Mangime per anatre in riproduzione

Mangime per anatre

Mangime per anatre (futuri riproduttori) dopo il secondo mese di vita e fino alla 27^ settimana (inizio deposizione)

Le anatre destinate a diventare riproduttori devono essere alimentate in maniera adeguata. Il mangime per anatre che saranno futuri riproduttori non deve infatti puntare all’ingrassamento ma deve formare gli organi interni di animali che devono vivere e produrre per 3 o anche 4 anni. Le loro esigenze alimentari devono essere rispettate specialmente per quanto riguarda gli amminoacidi e l’energia. Devono inoltre essere rispettate sia le quantità che la qualità degli alimenti da somministrare. Dal secondo mese di vita e fino all’inizio della deposizione (circa 27^ settimana) può essere realizzata una miscela aziendale utilizzando un mangime per pulcini oltre a cereali e sottoprodotti. Il mangime per anatre commerciale per pulcini che deve garantire specialmente un buon apporto (quantitativo e qualitativo) di amminoacidi, deve avere la seguente composizione media: proteine grezze 23%; grassi grezzi 3-4%; fibra grezza 4%; ceneri 7-8 %; metionina 0,4%. Il mangime per pulcini deve essere miscelato con gli altri alimenti nel seguente modo:

mangime per anatre: 40%;
cereali aziendali (mais, gramo, orzo, avena, ecc.): 32%;
crusca di frumento: 28%.

Alla miscela viene poi aggiunto sale da cucina in misura di 12 grammi di sale ogni 10 chilogrammi di alimento.
La razione alimentare deve essere razionata e cioè al mattino le anatre devono trovare le mangiatoie vuote che devono essere invece riempite a metà giornata. Ricordate che la quantità di alimento distribuito deve essere tale da terminare al tramonto. Le anatre, infatti, mangiano anche di notte e se le mangiatoie sono piene (o aperte) possiamo incorrere in un ingrassamento non desiderato dannoso per la futura attività riproduttiva.

Mangime per anatre anatre dal secondo mese di vita all’inizio della deposizione

Dopo il primo mese di vita le anatre destinate alla riproduzione devono ricevere un’alimentazione bilanciata volta a evitarne l’ingrasso e a favorirne lo sviluppo e la rusticità. Queste in particolare le esigenze base: proteine grezze 15%; Energia metabolizzabile Kcal/Kg. 2.750; Metionina + cistina 0,55%; Lysina 0,68%; calcio 0,90%; Fosforo disponibile 0,35%.

Fonte: biozootec.it