Calcio nelle galline e formazione del guscio

Calcio nelle galline

Calcio nelle galline

Il calcio nelle galline è tra i macroelementi più importanti nell’alimentazione delle galline e questo anche perché è quello maggiormente rappresentato nel loro corpo coprendo più di un terzo della totalità del contenuto minerale corporeo. L’assorbimento del calcio ingerito nell’alimentazione avviene a livello intestinale: duodeno e ileo.

Nelle galline il tessuto osseo midollare rappresenta la principale riserva di calcio per la produzione del guscio dell’uovo. Il tessuto osseo midollare viene prodotto principalmente nella cavità delle ossa lunghe. Una gallina, che depone l’uovo al mattino, utilizza il calcio durante la notte e cioè circa 12 – 18 ore prima della deposizione dell’uovo: periodo necessario per produrre il guscio.
La ricostituzione del tessuto osseo midollare avviene durante il giorno, quando c’è appunto disponibilità di calcio alimentare. Durante la deposizione l’apporto di calcio nelle galline deve pertanto essere giornaliero e costante.

Quando l’ovodeposizione termina, il tessuto osseo midollare scompare nel giro di una settimana.
La quantità di calcio immagazzinata nelle ossa è sufficiente all’incirca per la produzione di n 10 uova. In situazioni di alimentazione con carenza di calcio si osserva inappetenza e le ossa diventano fragili e porose. Le ossa lunghe si deformano e vanno incontro a fratture dovute al peso corporeo, alla contrazione dei muscoli o a lievi fratture. Una carenza moderata di calcio nelle galline determina un minor grado di calcificazione del guscio dell’uovo fino all’arresto della deposizione in caso di carenze gravi.

 

Fonte: biozootec.it