Allevamenti all aperto di pollame

Allevamenti all aperto di pollame

La Regione Emilia Romagna con un proprio provvedimento vieta gli allevamenti all aperto di pollame. Questo provvedimento ha lo scopo di favorire gli allevamenti industriali di tacchini che possono continuare la loro attività accasando però animali solo di un unico sesso.
Questa è un’iniziativa inutile e dannosa in quanto punta a favorire allevamenti “alieni” a scapito di aziende agricole impegnate in produzioni sostenibili e di qualità.

In particolare si evidenziano i seguenti punti di non coerenza, danno economico, danno turistico e danno sociale:

1. Non viene rispettato il DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010 , n. 9, ignorando totalmente quanto previsto:
– per le “razze rare di pollame”;
– in materia di benessere per il pollame allevato all’aperto;
– nei “Criteri applicabili ai piani di emergenza”;

2. Prima di tutto le valutazioni relative alla trasmissione del virus “selvatico – pollame domestico – produzioni industriali” sono viziate da pregiudizi e non dimostrate;

3. Il settore avicolo industriale viene erroneamente considerato rilavante dal punto di vista economico. Questi dati sono smentiti anche da un’indagine Nomisma (Società indipendente che realizza attività di ricerca e consulenza economica per imprese, associazioni e pubbliche amministrazioni, a livello nazionale e internazionale).

Contrasti con le altre norme o politiche

4. Le “Misure adottate di lotta contro l’influenza aviaria” sono in netto contrasto con la Politiche di sviluppo agricolo europee che favoriscono la polifunzionalità, l’agriturismo e le fattorie didattiche;

5. Le “Misure adottate di lotta contro l’influenza aviaria” sono in netto contrasto con le tradizioni locali e con le produzioni di qualità ottenute esclusivamente con metodi d’allevamento che prevedono il pascolo libero e gli allevamenti all aperto di pollame;

6. Le “Misure adottate di lotta contro l’influenza aviaria” sono in netto contrasto con il DECRETO 29 luglio 2004 del MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI relativo a “Modalità per l’applicazione di un sistema volontario di etichettatura delle carni di pollame”;

7. Le “Misure adottate di lotta contro l’influenza aviaria” sono in netto contrasto con la politica ambientale europea che favorisce l’allevamento estensivo anche del pollame attraverso l’Agroforestry e che protegge le rotte migratorie anche dei palmipedi: “Direttiva Uccelli e Direttiva Habitat”;

8. Specialmente Le “Misure adottate di lotta contro l’influenza aviaria” sono in netto contrasto con l’opinione pubblica e i cittadini che spesso si oppongono all’insediamento, nei loro territori, di nuovi allevamenti industriali di avicoli.

Seguici anche su Facebook: Pagina Contro Fratelli

Sfoglia il nostro catalogo prodotti.

 

Fonte: Biozootec

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.